Allegoria del tempo che indica la Verità, Giacomo Stella (Brescia 1545 - Roma 1630)

AA-333908
In stock
Giacomo Stella (Brescia 1545 - Roma 1630) Allegoria del tempo che indica la Verità   Olio su tela (192 x 74 cm. - In cornice dorata 198 x 81 cm.) L’opera è corredata da studio critico redatto dal prof. Emilio Negro (Bologna)   I dettagli completi...
6.500
+
Add to wish list
Vi diamo il Benvenuto sul sito di Galleria Castelbarco La nostra azienda opera...
+39 0464 973235 - mob. +39 349 4296409
Ask a question or make an offer
Giacomo Stella (Brescia 1545 - Roma 1630)
Allegoria del tempo che indica la Verità
 
Olio su tela (192 x 74 cm. - In cornice dorata 198 x 81 cm.)
L’opera è corredata da studio critico redatto dal prof. Emilio Negro (Bologna)
 
I dettagli completi relativi a questo dipinto possono essere visualizzati direttamente al seguente - LINK -
 
La bella composizione allegorica in esame, che ritrae una fiera figura femminile, venne in origine concepita per far parte degli arredi di rappresentanza di un grande palazzo nobiliare, e rappresenta la personificazione del Tempo che indica la Verità (una seconda interpretazione, sebbene meno calzante, potrebbe essere la virtù cardinale della Temperanza).
 
Tale tipologia allegorica, di spiccato sapore rinascimentale per i suoi sottintesi significati di grande valenza politica oltre che morale, ebbe grande successo per tutto il XVI e XVII, inducendo lo spettatore alla conduzione, sulla base degli avvenimenti passati, di una vita dedita alla disciplina, alla Verità appunto.
 
L'allegoria è personificata da una fanciulla dalle vesti rosso cangiante, con l’indice alzato in segno di ammonimento; tiene tra le mani il libro della Storia, la cui consequenzialità temporale ci permette di avere gli strumenti per il raggiungimento della saggezza, mentre ai suoi piedi possiamo vedere una clessidra, simbolo per antonomasia del tempo che scorre.
 
L’opera, la cui esecuzione esprime eleganza e potenza allo stesso tempo, è riconducibile a Giacomo Stella (Brescia 1545 - Roma 1630), significativo artista manierista attivo a cavallo tra Cinquecento e Seicento, bresciano di origine ma attivo specialmente a Roma, dove si trasferì in giovane età, sotto i pontificati di Gregorio XIII (1572-1585) e dei successori Sisto V (1585-1590) e Urbano VIII.
 
Nella città papale entrò in contatto con Girolamo Muziano e Cesare Nebbia, attivi in molti dei principali progetti del tardo XVI secolo commissionati dal papato. Tra questi il più importante è l’affresco di una delle maggiori opere religiose del tempo, la costruzione e decorazione della Cappella Sistina nella Basilica di Santa Maria Maggiore (da non confondere con quella del Vaticano), destinata a diventare cappella funebre per papa Sisto V.
 
Pittore di grande temperamento e dotato di un bellissimo scatto naturalista, alla sua unica mano si devono sicuramente i grandi affreschi della ‘Resurrezione' e della ‘Creazione di Eva ', alla Scala Santa a Roma.
 
Stato di conservazione: 
 
Sul dipinto sono visibili vecchi restauri legati all'epoca della tela e riprese di colore .
 
Il dipinto è venduto assieme ad una piacevole cornice in legno dorata.

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI:
 
L’opera viene venduta corredata di certificato di autenticità e scheda iconografica descrittiva.
 
Ci occupiamo ed organizziamo il trasporto delle opere acquistate, sia per l'Italia che per l'estero, attraverso vettori professionali ed assicurati.
 
È anche possibile vedere il dipinto nella galleria di Riva del Garda, saremo lieti di accogliervi per mostrarvi la nostra raccolta di opere.
 
Contattateci, senza impegno, per qualsiasi informazione aggiuntiva.
 
Seguiteci anche su :
 
https://www.instagram.com/galleriacastelbarco/?hl=it
https://www.facebook.com/galleriacastelbarco/
 
 

 

 

Antichità Castelbarco

Viale Giovanni Prati, 39
Riva del Garda, 38066
Italy